Giornata Mondiale dell’Orfano – 2010

Pubblicato Etichettato come Celebrazioni

Verso un’assistenza di qualità per OVC: una responsabilità collettiva

La Giornata mondiale degli orfani si celebra ogni anno il 7 maggio. La giornata è stata commemorata per la prima volta a New York nel 2002 con l’obiettivo di sensibilizzare e sostenere i bisogni degli orfani e dei bambini vulnerabili (OVC).

Questo giorno è stato commemorato in altri paesi negli anni successivi. In Kenya, la giornata è stata commemorata per la prima volta nel 2006. Ciò è dovuto alla crescente preoccupazione per la crisi di milioni di bambini rimasti orfani o resi vulnerabili dall’HIV/AIDS. La giornata offre anche l’opportunità di esercitare pressioni sul governo e sulla comunità dei donatori per indirizzare più risorse verso gli interventi OVC.

Il distretto di Migori si è unito al resto del paese per celebrare questa giornata. Le celebrazioni si sono svolte presso il campo sportivo Sori nella divisione Karungu. L’evento è stato co-ospitato da St. Camillus Dala Kiye Children Welfare Home e Mercy Orphans Support Program. L’Ospite d’onore era l’Ufficiale Distrettuale di zona, Mr.Kimutai. L’occasione è stata onorata dai bambini e da altre parti interessate che hanno lavorato con e per OVC.

Il tema di quest’anno era “Verso un’assistenza di qualità per OVC: una responsabilità collettiva”.

È stato un giorno in cui varie parti interessate hanno identificato e sostenuto OVC che crescono privi di istruzione, bisogni primari come cibo, acqua e alloggio e sono ad alto rischio di infezione da HIV, discriminazione, sfruttamento e violenza sotto forma di lavoro forzato , prostituzione e traffico di droga.

Di seguito alcune delle risoluzioni approvate:

  • Che ogni membro della comunità si assuma la responsabilità collettiva di prendersi cura dell’OVC
  • Che sia necessario creare un ambiente favorevole per i bambini e le famiglie colpite dall’HIV/AIDS, attraverso l’attuazione di campagne di sensibilizzazione a livelli selezionati attraverso l’advocacy e la mobilitazione sociale.
  • Viene creata quella struttura locale incaricata di sovrintendere all’attuazione dei diritti dell’infanzia.
  • Che tutte le parti interessate dovrebbero garantire l’accesso per OVC ai servizi essenziali inclusi, ma non limitati a, istruzione, assistenza sanitaria e registrazione delle nascite.

Scarica il rapporto

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.