Giornata Mondiale dell’orfano 2019

Pubblicato Etichettato come Celebrazioni

Intervento umanitario nel mondo – diritti dei bambini in primis

ST. CAMILLUS DALA KIYE CHILDREN WELFARE HOME, 7 MAGGIO 2019

Introduzione

Tragicamente, milioni di bambini in tutto il mondo sono rimasti orfani per vari motivi: guerra, carestia, sfollamenti, malattie o povertà.

Al Dala Kiye, la maggior parte dei bambini con cui lavoriamo sono rimasti orfani a causa della pandemia di HIV / AIDS.

Per assicurarsi che non siano completamente dimenticati, c’è una giornata dedicata a loro: la Giornata mondiale degli Orfani, che ricordiamo il 7 maggio di ogni anno.
Questa giornata è speciale in quanto attira l’attenzione sulla difficile situazione degli orfani. In questo giorno le persone sono incoraggiate a partecipare attivamente alla sensibilizzazione, al sostegno e al finanziamento di tutti questi bambini senza madre e senza padre in tutto il mondo.

La società ha imparato a prendersi cura degli orfani dai tempi del primo orfanotrofio costruito dai romani. La legge ebraica richiedeva che gli orfani fossero curati fino all’età di 18 anni. Oggi, la costituzione keniota insiste sul fatto che chiunque abbia meno di 18 anni, essendo un bambino, dovrebbe essere curato. Abbiamo anche adottato l’atto di porre gli orfani sotto tutela pubblica. Ma per quanto siano stati realizzati tutti questi interventi, nel corso degli anni il numero di orfani è cresciuto a un ritmo molto allarmante.

La maggior parte degli orfani vive in un ambiente violento, e le difficoltà crudeli che devono affrontare in alcuni orfanotrofi richiedono ancora interventi reali più vigorosi.


Il tema di quest’anno è stato “Intervento umanitario nel mondo – diritti dei bambini in primis”.
Di tutti gli interventi delle organizzazioni umanitarie nel perfezionamento del benessere dei bambini, l’attenzione principale dovrebbe essere rivolta ai loro diritti.

La celebrazione

L’evento di quest’anno è iniziato un po’ in ritardo rispetto al programma a causa delle piogge, ma un buon numero di partecipanti che comprendeva bambini in età scolare, tutori, insegnanti e altri ospiti invitati si sono riuniti a St. Camillus Dala Kiye già dal mattino, pronti a festeggiare.

Una preghiera di apertura è stata fatta da P. John Kariuki, amministratore del Dala Kiye, che dopo aver pregato ha pronunciato alcune parole di supporto ai bambini orfani presenti. Ha incoraggiato i bambini a lavorare sodo a scuola e realizzare i loro sogni, ha ricordato loro che nonostante siano orfani ci sono persone intorno a loro che si preoccupano del loro benessere e si prendono cura di loro. Ha quindi concluso dicendo che la disabilità non è incapacità. Che tutti i bambini sono speciali e tutti i bambini che vivono con qualsiasi forma di disabilità sono creati a immagine di Dio e sono amati da coloro che li aiutano.

Il coordinatore del Dala Kiye, George Anyanga, è poi salito sul podio per dare il benvenuto ai presenti. Ha dato una breve panoramica degli interventi che il Dala Kiye è coinvolto e il suo principale donatore We World Kenya Foundation. Ha quindi informato i partecipanti sul programma del giorno e su altri aspetti logistici. Attraverso il suo discorso, George ha sottolineato l’importanza di celebrare la Giornata mondiale degli orfani, uno dei quali è quello di affrontare le sfide vissute dagli orfani nella comunità e la necessità per le parti interessate di formulare strategie comuni per affrontare la difficile situazione degli orfani e dei bambini vulnerabili. Ciò ha affermato che sarebbe possibile solo se tutti i bambini avessero accesso a opportunità di istruzione, cure e sostegno adeguati. Ha incoraggiato infine i bambini a imparare a vivere responsabilmente e a lavorare sodo a scuola.
L’abile maestro di cerimonia ha coordinato gli intrattenimenti con discorsi per gran parte delle ore del mattino. C’è stata una commedia presentata dai ragazzi del St. Mary’s Kiranda che ha commosso il pubblico. I ragazzini hanno dimostrato le difficoltà che gli orfani affrontano nelle mani di coloro che dovrebbero essere i loro tutori. Il più delle volte, questi bambini vengono maltrattati e vengono loro negate cure di base e accesso all’istruzione primaria. Altri spettacoli presentati dai bambini erano canzoni, danza moderna, acrobazie, versi corali e scenette. Anche i tutori hanno presentato canzoni e spettacoli in base al tema del giorno.

Come da tradizione, quando era ora di pranzo, ai bambini venivano date bevande analcoliche e pane mentre i tutori e gli ospiti invitati si riunivano nella sala da pranzo.

Nel pomeriggio, la tradizione delle partite di calcio è iniziata con le ragazze del B.L.Tezza e Rabuor che hanno aperto il gioco. B.L.Tezza ha portato a casa la vittoria segnando 2-0 contro le potenti ragazze Rabuor. Poi e’ stata la volta dei ragazzi di Rabuor e B.L.Tezza che finì con con la vittoria del B.L.Tezza in un punteggio di 1-2. Questa è stata una giornata vittoriosa per gli studenti del B.L.Tezza.
Con l’avvicinarsi della fine della giornata, tutti coloro che sono emersi vittoriosi nei giochi e nelle esibizioni hanno ricevuto un segno di apprezzamento in termini di saponette, lucido da scarpe, quaderni, cartelle per documenti e palle.

Christine Vera di B.L.Tezza Complex Secondary, che è anche vice presidente dell’assemblea dei bambini della sub-contea di Nyatike, ha coronato l’evento del giorno pronunciando un discorso potente. Vera, che si è unita ad altri bambini al BOMAS Kenya per una conferenza sulla leadership nel 2019, ha parlato di tutti i problemi che gli orfani affrontano e che spesso vengono trascurati da coloro che dovrebbero aiutarli. Ha condannato amaramente l’atto di maltrattare i bambini solo sulla base della mancanza di genitori e ha chiesto ai tutori di fare sempre del bene nel prendersi cura di questi bambini. Per finire il suo discorso, Vera ha incoraggiato tutti gli alunni e gli studenti a esplorare i loro talenti tanto quanto sono nell’istruzione formale. La giornata è stata chiusa da una parola di preghiera di uno studente di B.L.Tezza e i partecipanti sono rimasti fin quando hanno gradito.

Angwanga Sharon
Assistente Sociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.